Assistenti AI: cosa sono e come funzionano i virtual assistant

Gli assistenti AI si distinguono come strumenti potenti e versatili, capaci di supportare e svolgere attività in base alle nostre richieste.

Cosa sono e come funzionano gli assistenti AI

Gli assistenti AI utilizzano tecnologie come l’elaborazione del linguaggio naturale (NLP) per comprendere e rispondere alle richieste umane in modo naturale, sia tramite comandi vocali che di testo.

Gli assistant sono disponibili 24/7 e integrati con altri servizi o dispositivi intelligenti per svolgere molteplici attività.

Gli assistenti AI funzionano grazie al sistema di riconoscimento vocale avanzato, che trasforma il parlato in testo. Questo testo viene poi analizzato da algoritmi di intelligenza artificiale in grado di comprenderne il significato e l’intento.

In base all’input ricevuto, l’assistente attiva le azioni appropriate, che possono includere:

  • Ricerca di informazioni
  • Controllo di dispositivi smart home
  • Assistenza nello svolgimento di attività specifiche

I principali assistenti AI

Sul mercato odierno sono presenti diverse tipologie di assistant, ognuno con le sue caratteristiche e funzioni. I tre principali, da tutti conosciuti sono Google Assistant, Siri e Alexa.

Oltre ad essi, che presenteremo di seguito, esistono assistenti virtuali specifici per un compito o un determinato settore, come:

Google Assistant

Google Assistant è l’assistente virtuale sviluppato da Google. È in grado di portare avanti conversazioni in maniera naturale e intuitiva. Il suo punto di forza è quello di offrire una ampia ricerca di informazioni online e una stretta integrazione con i servizi Google.

Si sposa alla perfezione con Gemini di Google per essere reattivo e preciso. È capace di controllare dispositivi per la casa intelligente e la sua interfaccia è intuitiva e personalizzabile a seconda delle esigenze.

Per attivare l’assistente, è sufficiente dire “Hey Google” o “Ok, Google”. Tuttavia, gli utenti esprimono preoccupazioni riguardo alla privacy e alla raccolta dei dati, perché l’assistente rimane in continuo ascolto dopo la parola di attivazione. Questo problema d’invadenza, ormai evidenziato dalle numerose segnalazioni, può essere risolto disattivando le registrazioni audio in attività Web e App. Google fornisce una guida completa per disabilitare questa funzione al seguente link.

Siri

Siri è l’assistente virtuale sviluppato da Apple Inc. e rilasciato per la prima volta nel 2011. Si integra con l’ecosistema Apple ed è disponibile su smartphone, smartwatch, Apple CarPlay etc.

Siri utilizza una combinazione di riconoscimento vocale e si distingue per la sua ottima capacità di elaborazione del linguaggio naturale per comprendere le richieste degli utenti e rispondere con pertinenza ad esse, talvolta anche con ironia.

L’assistente virtuale è gratuito e preinstallato sui dispostivi Apple. Per attivarlo basta dire “Ehi Siri” o tenere premuto il pulsante Siri del dispositivo (come il pulsante Home o di accensione).

Alexa

Amazon Alexa è l’assistente virtuale sviluppato da Amazon. È in grado di interpretare il linguaggio naturale e fornire informazioni o eseguire comandi in base alle richieste. È capace di compiere molteplici funzioni, dalle più comuni alla gestione della domotica. Vanta un’ampia compatibilità con i dispositivi smart home e libreria di “Skill”, alle volte complesse da utilizzare.

Le “Skill” di Alexa sono organizzate in categorie e possono essere attivate previa installazione tramite comando vocale o App. La libreria è talmente ampia da confondere gli utenti nell’utilizzo. A tal proposito Amazon fornisce una guida completa al seguente link.

Il sistema include anche i “Blueprint Skill”, modelli utilizzabili per creare Skill personalizzate adattabili in base al proprio stile di vita. Queste Skill arricchiscono ulteriormente le capacità di Alexa, offrendo agli utenti un’esperienza unica. Il centro assistenza di Amazon Alexa offre una sezione dedica che guida l’utente passo dopo passo nella creazione della propria Skill personalizzata.

È preinstallata su molti prodotti Amazon e dispositivi IoT e la sua interfaccia è variabile a seconda dell’apparecchio che si utilizza.

I dispositivi dotati di Alexa (come Echo) si attivano pronunciando la wake-up word “Alexa”. L’app dell’assistant è disponibile su iOS o Android e viene utilizzata per gestire l’account Alexa e i dispositivi associati, per scaricare le skill, gestire la musica, i promemoria etc.

Conclusione

Gli assistenti AI sono in continua evoluzione grazie all’addestramento di nuovi software. Con il progredire della tecnologia, diventeranno più potenti, e avranno un ruolo ancora più impattante nella nostra vita quotidiana.

Gli assistenti AI sono un’innovazione tecnologica indispensabile per la gestione del tempo e dell’organizzazione, in quanto semplificano le attività e personalizzano l’esperienza.